Trasparenza dei Contributi Pubblici

Contributi pubblici: obbligo di trasparenza per imprese – scadenza 30 giugno

La Legge n.124/2017 ha introdotto l’obbligo di rendere pubblici “sovvenzioni, sussidi, vantaggi, contributi o aiuti, in denaro e natura, privi di natura corrispettiva, retributiva o risarcitoria” ricevuti dalla Pubblica Amministrazione, sopra la soglia di 10.000 euro totali, secondo il criterio di cassa, cioè solo se effettivamente percepiti nell’esercizio 2020.

In particolare, per le micro-imprese, le imprese individuali, le società di persone e le SRL con bilancio in forma abbreviata, le informazioni relative ai contributi pubblici ricevuti dovranno essere riportate sui propri siti internet o, in mancanza, nel SITO DELL’ASSOCIAZIONE DI CATEGORIA di appartenenza, entro il 30 giugno di ogni anno.

Si precisa che, in sede di conversione in legge del Decreto c.d. “Riaperture”,  è stato approvato un emendamento che proroga al 1° gennaio 2022 il termine di decorrenza delle sanzioni per l’anno 2021 relative all’inosservanza degli obblighi di trasparenza.

Confcommercio Lecce ha attivato questa sezione per permettere alle imprese regolarmente iscritte alla nostra associazione di adempiere  quanto previsto dalla normativa. Per la pubblicazione è necessario scaricare e compilare la relativa SCHEDA DI RICHIESTA PUBBLICAZIONE inviandola a lecce@confcommercio.it.

 

ELENCO AZIENDE ASSOCIATE BENEFICIARIE AIUTI DI STATO 2020:

IODICE FRANCESCA BARBARA

MAZZOTTA LUIGI STEFANO

SCORRANO ANNA

TIPOGRAFIA SCORRANO SNC

FELLINE GIOVANNI

LE CHICCHE SNC

RIST 2002 SAS DI SERRA STEFANO & C.

PIEMME CONTRACT DI MAZZOTTA PAOLO

LONGO JONS

Confcommercio Lecce Imprese per l’Italia – Lecce Via Cicolella 3 Tel. 0832.345146 - Fax 0832.217221 - lecce@confcommercio.it | Sviluppato da 650mb.com

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per fornire alcuni servizi. Continuando la navigazione ne consentirai l'utilizzo. Informazioni

Visitando un sito web si possono ricevere cookie sia dal sito visitato (prima parte), sia da siti gestiti da altre organizzazioni (terze parti). Esempi notevoli sono la presenza di “embed” video o “social plugin” da servizi di social network. Si tratta di parti della pagina visitata generate direttamente dai suddetti siti ed integrati nella pagina del sito ospitante. L’utilizzo più comune è finalizzato alla condivisione dei contenuti sui social network.

Chiudi